YouTube crea canali tematici a pagamento e sfida la tv

Con l’avvento del web 2.0 sembra siano destinati a cambiare molti aspetti della nostra vita. Se da una parte, grazie a servizi con Whatsapp e Skype, il modo di comunicare è cambiato, d’altra parte internet sta mettendo a dura prova i giornali e i libri cartacei grazie ad ebook e giornali online. Ora anche la televisione classica è minacciata, a causa della decisione di YouTube di creare canali tematici a pagamento a partire da ottobre. I nuovi canali, del tutto simili a quelli televisivi, trasmetteranno in streaming sul sito di video più famoso al mondo e avranno un costo che oscillerà tra i 75 centesimi e 3 euro e mezzo. Che sia l’inizio di una nuova era?

Annunci

Windows 8: una nuova faccia per Microsoft, ecco le novità!

E’ notizia piuttosto recente il lancio dell’ultima versione di Windows, sistema operativo che ha reso celebre Microsoft. Il colosso di Bill Gates ha infatti lanciato il 26 ottobre 2012 Windows 8, OS che segna un radicale cambiamento rispetto al passato, distaccandosi dal precedente Windows 7 e avvicinandosi con la versione Mobile ideata per mobile devices con touchscreen. Christian Grassani di 2SNetCom l’ha provato per noi e ci spiega le novità.

Windows 8 introduce un’interfaccia utente nel linguaggio di design Microsoft ampiamente riprogettata, ottimizzata per i touchscreen, ma utilizzabile anche con mouse e tastiera.

Il menu Start è stato sostituito con una nuova schermata simile a quella di Windows Phone 8, denominata schermata Start, che presenta principalmente una griglia scorrevole di riquadri.

I riquadri animati assomigliano a delle mattonelle che, oltre a eseguire un’applicazione con un clic o un tocco su uno di essi, spesso visualizzano al loro interno dati aggiornati in tempo reale, senza dover necessariamente avviare l’applicazione: Vivace e attraente, la schermata Start è la prima cosa che vedi. Ogni riquadro animato nella schermata Start è connesso a una persona, a un’app, a un sito, a una playlist o a qualsiasi cosa importante per te. I riquadri si animano con le informazioni recenti, per un aggiornamento immediato. Basta un’occhiata per vedere la foto in cui sei stato appena taggato, le previsioni di domani e i messaggi dei tuoi amici.

Le tue foto, i siti web, quel video divertente che hai appena visto: quasi tutto ciò che guardi può essere condiviso, istantaneamente. Non c’è bisogno di interrompere quello che stai facendo, copiare l’elemento che vuoi condividere, aprire un’altra app e incollarlo. Basterà scorrere rapidamente da destra e toccare o fare clic sull’Accesso alla condivisione per inviare immediatamente l’elemento tramite email o pubblicarlo su Facebook.

Microsoft ha creato una nuova “casa” mettendo insieme tante mattonelle in un’era sempre più social per essere sempre connessi e poter condividere con chi vuoi tutta la tua vita in tempo reale con un solo clic.

Instagram sbarca su Windows phone

Windows phone è con Ios e Android uno dei principali sistemi operativi mobile, ma come ben sappiamo il suo store è meno ricco rispetto ai suoi rivali.  Microsoft sta accorciando le distanze per incrementare il suo store con  nuove applicazioni:  una di queste è Instagram, che  è stata scaricata da moltissimi utenti in tutto il mondo caricando cinque miliardi di foto in pochissimi mesi. Instagram sarà disponibile entro la fine dell’anno sul Marketplace di Microsoft per i terminali di Windows phone 8. La piattaforma di Microsoft è sempre stata oggetto di critiche proprio per la mancanza di molte applicazioni premium che sono disponibili sia per iOS che per Android; Instagram è oggi una delle app più utilizzate in tutto il globo, tanto da aver attirato l’interesse di un colosso come Facebook, che l’ha acquisita. E’ probabile che Microsoft abbia cercato di spingere proprio Facebook per realizzarla in versione WP8, dati i buoni rapporti che intercorrono tra la società di Steve Ballmer e quella di Mark Zuckerberg. Da questo momento in poi per Microsoft si apriranno nuovi orizzonti nel mondo delle app mobile, in quanto l’apertura ad Instagram rappresenta la punta di diamante sul progetto di crescita e espansione del proprio store.

Vendite smartphone: Samsung ed Android battono Apple ed iPhone!

Il mercato della telefonia mobile è in grande fermento. Da una parte il colosso finlandese Nokia è sull’orlo del tracollo a causa di una collaborazione con Microsoft che non ha portato buoni risultati, e alla decisione di puntare sul proprio sistema operativo, Symbian, che non ha riscosso successo. D’altra parte è scontro aperto tra il sistema operativo Android di Google e iOs di Apple.

Ad analizzare meglio le cifre però si otrebbe dire che il vero duello sia Samsung – Apple, con una tendenza che si sta invertendo. Secondo le stime il sistema Android detiene il 68 % della quota di mercato, contro il 17 % di iOs. Ma il dato più significativo è il passaggio del sistema operativo di Google dal 47 % dell’anno scorso al 68 % attuali, contro i 17 % di Apple, che ha visto un – 2 % rispetto alla stima dell’anno scorso.

Festeggia Samsung, che detiene ben il 44 % della quota di mercato degli apparecchi Android venduti. Il colosso sudcoreano, forte di questi dati, rilancia la sfida ad Apple, e rincara la dose con l’uscita dell’atteso Samsung Galaxy SIII, diretto concorrente dell’iPhone 4, ma ad un prezzo più accessibile. Non mancano le polemiche, in quanto Samsung ha accusato l’azienda californiana di aver copiato i progetti della Sony per la produzione del primo iPhone.

Apple tenterà di riguadagnare quote di mercato con l’uscita del prossimo iPhone 5, ma intanto nel secondo trimestre dell’anno si ferma a 26 milioni di dispositivi venduti, a fronte degli oltre 50 milioni di Samsung.

Kiwi Local: l’app italiana per comunicare e restare in contatto!

“La comunicazione è ovunque, e l’uomo non può non comunicare.”

Questa è una delle sentenze che stanno alla base della scienza della comunicazione e che dimostrano come le persone comunichino qualcosa in continuazione, sia verbalmente che non. Da questo presupposto saranno partiti i giovani ideatori di Kiwi Local, una mobile  app tutta italiana disponibile su Android, IPhone e Blackberry.

Kiwi Local è una applicazione per smartphone che ci permette di comunicare con chi si trova nelle nostre vicinanze. Una bacheca, il Wall, ci permette di condividere dei messaggi personali e leggere i messaggi di chi ci sta intorno, condividere la nostra posizione e chattare. Insomma, con Kiwi possiamo sapere dove si trovano i nostri amici e stringere nuove amicizie con chi si trova nel nostri paraggi.

Immaginate di trovarvi in un luogo che non conoscete e di aver bisogno di informazioni, basta un messaggio sul vostro profilo, e gli utenti di Kiwi Local che si trovano vicino a voi possono risponderti in istantaneo. Come dice il motto dell’app quindi “People nearby can be the answer!”.

2SNetCom ha parlato con Mario Parteli che, con Marco Rizzone, cura l’area marketing della start-up.

A che punto siete dell’ottimizzazione dell’app?
Fino ad ora non abbiamo mai voluto pubblicizzare l’app perchè ci siamo concentrati esclusivamente ad attivita’ di fixing, per rendere l’app perfetta. Abbiamo deciso di uscire con una versione beta privata, ossia app scaricabile dai market, ma attivabile tramite un betacode, in modo tale da poterla testare grazie ai feedback dei primi utenti, e visto che l’obiettivo e’ quello di interagire con le persone intorno a noi, non volevamo creare un effetto negativo sulla clientela. Abbiamo rilasciato diversi aggiornamenti ed allo stato attuale abbiamo raggiunto un buon livello di usabilita’.

Quali sono le strategie di marketing per la diffusione dell’app?

Abbiamo sbloccato il beta code a Firenze, dopo qualche test event e abbiamo partecipato al Film Festival di Taormina. Ora stiamo partecipando all’Intel Business Challenge e abbiamo passato il primo round.
A livello di socialmedia marketing abbiamo attivato un blog, la pagina Twitter e la pagina Facebook e da settembre abbiamo in programma diversi eventi importanti tra Milano, Roma e Firenze, in cui abbiamo pianificato il lancio ufficiale dell’app. Inoltre abbiamo stretto importanti partnership, tra cui Mc Donald’s Toscana, in cui sara’ possibile interagire all’interno dei fast food tramite kiwi.

I’m Watch: il Made in Italy che piace!

La tendenza della nostra epoca è quella di avere tutto sotto controllo, comodamente sotto mano e possibilmente in un solo device. Dev’esser stata questa la considerazione dei due italiani che hanno creato I’m Watch, il primo orologio davvero digitale. I’m Watch è un orologio da 1,5 pollici, full touch, con sistema android, internet integrato, bluetooth, lettore mp3, casella e-mail, possibilità di inviare sms e telefonate, Facebook, Twitter e numerose apps. Per rendere meglio l’idea i creatori di questo gioielli di tecnologia made in Italy lo definiscono smartwatch, un incrocio tra un orologio ed uno smartphone. Il device è stato presentato al CES 2012 di Las Vegas ed ha riscosso un enorme successo, tanto da renderlo già disponibile alla vendita online al prezzo di 249 euro. Questo è il Made in Italy che ci piace.

www.imwatch.it