Abercrombie & Fitch apre a Roma e Napoli?

Abercrombie & Fitch è sicuramente uno dei brand di abbigliamento giovanile più in voga del momento. Fondato nel 1892, attualmente conta 10.000 dipendenti e più di 300 punti vendita in tutto il mondo. Ma se da una parte gli Stati Uniti, con 300 negozi, rappresentano la fetta quasi totale di mercato del brand, d’altra parte il marchio ha intenzione di espandersi ulteriormente, soprattutto in Europa.

Attualmente in Italia l’unico punto vendita si trova a Milano, mentre si vocifera già da tempo di un’apertura a Bologna. Ora si fa insistente la voce sulla possibile apertura di due punti vendita, rispettivamente a Roma e Napoli, in modo da poter coprire maggiormente il territorio italiano.

L’apertura di questi due negozi è molto attesa dai giovani clienti, in quanto attualmente in Italia non esistono venditori autorizzati di questo brand, al di fuori del punto vendita milanese. Per i clienti italiani non resta che affidarsi quindi agli acquisti online tramite ecommerce.

Vedi anche: Still Pushin’ Clothing: magliette hip hop e strategie marketing

Abercrombie & Fitch apre a Bologna il secondo negozio in Italia

abercromnie fitch milano italia italy bolognaAbercrombie & Fitch è uno dei marchi di moda casual più famosi tra le teeneger e i teeneger di tutto il mondo, Italia compresa.

Azienda americana fondata nel 1892 a Manhattan da David Abercrombie, che otto anni dopo, in seguito all’accordo con l’imprenditore Ezra Fitch ha trasformato il nome del marchio nel definitivo Abercrombie & Fitch. Inizialmente produttrice di abbigliamento sportivo e per la pesca, l’azienda ora è composta da più brand, come Hollister e Gilly Hicks. Con 1.045 punti vendita in tutto il mondo, e 4 miliardi di dollari incassati solo quest’anno, che hanno portato a 126 milioni di dollari di utili, il marchio sembra essere in un buono stato di salute.

Nonostante ciò, si è rincorsa più volte la notizia di una possibile chiusura della filiale di Milano, l’unica in Italia, situata in zona San Babila, e che ogni giorni richiama folle di giovani.

Adesso Abercrombie, oltre a smentire la chiusura del negozio di Milano, raddoppia ed entro il 2013 aprirà la seconda sede in Italia, a Bologna in via Indipendenza, nel locale finora occupato dalla Banca Monte dei Paschi di Siena.

Vedi anche: Still Pushin’ Clothing: magliette hip hop e strategie marketing

Abercrombie & Fitch in crisi, a Milano chiude?

Il famoso marchio di moda Abercrombie & Fitch sembra vivere un forte calo di popolarità negli Usa. Il brand con l’alce pare non susciti più grande interesse tra i teenagers americani, tanto che la società ha deciso di chiudere, entro il 2015, ben 180 negozi nei soli Stati Uniti. La crisi non sembra così disperata però in Europa, dove dal 2007 sono stati aperti 67 punti vendita. La società ovviamente non è a rischio fallimento, e vede nel mercato asiatico un target al quale puntare.

Nei mesi passati si era paventata per il web la possibilità che il punto vendita di Abercrombie a Milano potesse esser chiuso, a causa di forti debiti. Il costoso affitto della location e un investimento da 30 milioni di euro sembravano eccessivi in confronto ai guadagni, nonostante il negozio sia letteralmente preso d’assalto.

La chiusura di Abercrombie a Milano si è poi rivelata una notizia falsa, ma restano comunque reali i problemi economici. Un segnale di questa crisi è stata la differenziazione che la società ha intrapreso, non cercando di legare i propri prodotti al nome di un solo brand, in modo da evitare che una svalutazione del “nome” potesse intaccare le vendite. Hanno pensato così di utilizzare altri marchi per vendere i propri prodotti, creando così Hollister, Ruhel’s e Gilly Hicks.

Vedi anche: Still Pushin’ Clothing: magliette hip hop e strategie marketing